La nascita, lo sviluppo e la mission di Città dei Ragazzi (di Giacomo Leonetti)

* Soldato o ufficiale?
CITTA’ DEI RAGAZZI BASKET SCHOOL nasce nell’Aprile del’96, fondata dal sottosritto.
Nel Giugno di quell’anno lascero’ la Juvecaserta. Sei anni stupendi, cinque titoli regionali, due
scudetti, assistente di allenatori come Franco Marcelletti, Mario Floris, Piero Pasini.
La società, purtroppo è in crisi economica, ed io decido che è tempo di mettere in pratica una
“vecchia idea” : COSTITUIRE UNA SCUOLA DI BASKET PER RAGAZZI E DI
FORMAZIONE PER ALLENATORI.
Devo però decidere, se trovare persone disposte ad investire, dirigenti che possano aiutarmi e fare,
quindi solo il responsabile tecnico; oppure fare tutto da solo.
Fare il “soldato” che attua direttive di altri, oppure l’ufficiale che “decide “ la strada da percorrere?

* La città dei ragazzi
La scelta è fatta, si corre da soli. L’idea da seguire è quella che “tante piccole realtà formano una
grande realtà”.
Città dei ragazzi nasce quindi ad Alife, nella scuola media dove insegno da 10 anni Educazione
Fisica, e, man mano si allarga, in un primo momento ai paesi vicini Piedimonte Matese e Ruviano.
Si tratta appunto di piccole realtà: Alife conta 6000 abitanti, Piedimonte, un pò più grande 11000, e
Ruviano solo 1500.
Nel leggere i primi numeri quindi, ci si rende già conto che si tratta di un attività che nasce a scopo
prevalentemente sociale, ma con lo sguardo rivolto avanti teso a creare un contesto che oltre
alla quantità abbia come obiettivo anche la qualità, intesa come produzione di buoni istruttori
e buoni giocatori.
Si chiama Città dei ragazzi perchè ogni realtà vi si possa riconoscere.Ricordo ancora la faccia che
facevano i ragazzi contro i quali giocavamo le prime partite, quando alla domanda:” da dove
venite?”, si sentivano rispondere 3, o a volte anche 4 località diverse.

La città dei ragazzi comprende quindi mondi diversi che si fondono in un unico scopo:” far giocare
a Basket quanti più ragazzi possibile, formando istruttori capaci poi di creare giocatori alto
interesse.

* I Progetti Scuola
Ogni nuova sede parte sempre da un “Progetto scuola”, attività promossa dalla Federazione
Italiana Pallacanestro, che ha come obbiettivo primario quello di far conoscere il Basket ed il
Minibasket, ed appunto incentivare la nascita e la crescita di nuovo movimento cestistico.
Nei primi 3 anni dirigo personalmente i Progetti Scuola, e tengo i contatti con i Direttori Didattici
ed i Presidi.
Questo è un momento fondamentale per la buona riuscita del Progetto, e per la nascita della nuova
sede della Scuola Basket. Si tratta di conoscere le esigenze delle diverse realtà: degli insegnanti, del
dirigente stesso, dei ragazzi, in modo da poter adattare i 12 moduli del progetto.
Quante volte, ad esempio, mi sono sentito dire dal dirigente:”Professore, va bene il Basket, ma in
questa scuola
l’ Attività Motoria non si fa proprio! Convinca i miei insegnanti a farla”.
Dal progetto scuola quindi, nasce la sede della scuola basket, pagando una quota di fitto per la
palestra comunale, tanto più adeguata quanto sarà stata l’abilità nel coinvolgere l’amministrazione,
o la fortuna nell’avere fra i primi iscritti il figlio del Sindaco o dell’ assessore.
Sono nate così, negli ultimi 3 anni le altre 3 sedi: Pietravairano (sempre in provincia di Caserta) e
Castelvenere e Cerreto Sannita in provincia di Benevento. L’unica differenza stà nel fatto che ora,
io tengo solo il contatto iniziale con il Dirigente scolastico, ma le lezioni sono tenute dai miei
collaboratori più validi.

* La formazione
Esistono diverse strategie per migliorare la competenza di un istruttore, vi illustro la nostra
esperienza.Oltre alle prime sedi, ai primi ragazzi, nasce l’esigenza di formare i primi Istruttori.
I primi anni sono stato da solo in palestra anche per 4 turni consecutivi, come tanti di voi del resto.
Ma quando iniziavano i primi Campionati, neanche questo bastava più.
Il primo compagno di viaggio è stato un collega di educazione fisica, che ha voluto Città dei ragazzi
anche nel suo paese(Ruviano); Alife e Piedimonte li avevo fatti nascere da solo.
Poi sono arrivati la figlia della segretaria della scuola, diplomata ISEF senza occupazione, ed un suo
amico.
Poi il figlio di un altro segretario di scuola, anche lui diplomato ISEF, anche lui “a spasso”, non per
questo siamo al Sud.

Poi sono arrivati anche gli allievi dei corsi per allenatori che dirigo per conto della Federazione. Ora
il tutoraggio è divenuto parte integrante dell’iter formativo. Ma sei anni fa i ragazzi intelligenti che
sentivano l’esigenza di “andare a bottega per imparare il mestiere”, avevano a disposizione solo la
buona volontà.
E’ così ho dato ascolto agli allievi che mi chiedevano di poter assistere ai miei allenamenti, … poi,
qualcuno mi ha chiesto di poter rimanere a lavorare con Città dei ragazzi.Oggi, i miei due
collaboratori più preziosi, vengono proprio da queste fila.
La strategia formativa che ho attuato potremmo definirla “ a rilascio controllato”. (allegato 1)

# Allegato1 #
FORMAZIONE A RILASCIO CONTROLLATO
1°allenamento               2°allenamento               3°allenamento
1°anno IO DIRIGO                IO DIRIGO                 IO DIRIGO
LUI ASSISTENTE       LUI ASSISTENTE          LUI ASSISTENTE
2°anno IO DIRIGO            LUI DIRIGE             LUI DIRIGE
LUI ASSISTENTE       IO ASSISTENTE          IO ASSISTENTE
3°anno  IO DIRIGO           LUI DIRIGE SOLO           LUI DIRIGE SOLO
LUI ASSISTENTE
Dallo schema possiamo evincere che il primo anno lo vivono accanto a me, facendomi da assistenti,
gestendo al massimo una metà campo con obiettivi dati da me.
Nel secondo anno prendono un gruppo tutto loro e lo allenanano, con me al loro fianco, che gli
faccio da tutor.
IL terzo anno allenano da soli, sopratutto nella loro sede; io faccio un allenamento alla settimana,
dove verifico il lavoro svolto, o aggiungo nuovi obbiettivi della programmazione.
Chiaramente non tutti completano l’iter formativo.
Qualcuno lascia per motivi di studio o di lavoro; qualche altro perchè “non fa per me”; ma altri
ancora vanno avanti.
Vanno avanti fino a diventare loro, responsabili di sede, anche economicamente.
Tutti partono con un rimborso spese, calcolato in base alle ore di impegno. Il rimborso cresce fino
a diventare Percentuale delle quote associative di ogni sede. Anche la percentuale cresce in
base all’impegno effettivo in palestra ed in base alla competenza.
Ho un istruttore ora che, finito in cassa integrazione si è dedicato a tempo pieno a Città dei ragazzi e
guadagna più di quanto guadagnasse con il lavoro precedente, con un impegno orario nettamente
inferiore.
Ognuno di loro, in definitiva sceglie come e quanto impegnarsi.

* La crescita
Nuovi progetti scuola, nuove sedi, nuovi istruttori (gli ultimi li sto reclutando tra i ragazzi e le
ragazze che finiscono l’attività giovanile, e che mi chiedono di diventare istruttore).Città dei
ragazzi…….cresce.

Crescono anche gli iscritti ed i campionati ai quali partecipiamo. Si prosegue lungo i “rami
dell’albero”, la mia programmazione, e, ad ogni nuovo obiettivo tecnico raggiunto, la zona , i
blocchi, corrisponde un aumento della percentuale di vittorie.
Si vincono i primi Campionati. Piccole cose……La vittoria di un girone provinciale; un titolo
regionale dei Giochi della gioventù con l’accesso alle finali nazionali, non di categoria, sono Giochi
della gioventù, ma per loro sono pari al titolo NBA.
Un ultimo aspetto della crescita, certamente non di minore importanza e che cominciamo a
produrre giocatori interessanti. Negli ultimi due anni abbiamo ceduto 5 giocatori in via definitiva
e 3 in prestito.
Le cifre di quanto detto sono schematizzate negli allegati 2 e 3. I numeri di certo faranno un pò
sorridere chi dirige societa importanti. Il concetto che reputo importate rimarcare è quello della
crescita, continua, non frettolosa, dove ogni passo è programmato e valutato.
Inutile poi ripetere che per realtà così piccole, anche questi numeri diventano importanti.

# Allegato 2 #
LA NASCITA DELLE NUOVE SEDI ANNO PER ANNO
ANNO 1 ALIFE ( LA SCUOLA MEDIA DOVE INSEGNO)
ANNO 2 ALIFE – PIEDIMONTE MATESE ( IL PAESE VICINO. TOMMASO
ISTRUTTORE IN FORMAZIONE DA ME RISIEDE LI)
ANNO 3 ALIFE – PIEDIMONTE – RUVIANO (IL MIO AMICO COLLEGA PEPPE)
ANNO 4 ALIFE – PIEDIMONTE – RUVIANO – (SI RESTA A 3 SEDI PER
STABILIZZARE ISTRUTTORI, SQUADRE E PER……GUARDARSI ATTORNO.
ARRIVA ALESSANDRA IN FORMAZIONE)
ANNO 5 ALIFE – PIEDIMONTE – RUVIANO – CASTELVENERE –
PIETRAVAIRANO
( ARRIVA ANGELO A TEMPO PIENO. SIAMO IN PROVINCIA DI
BENEVENTO. ANCHE LE SEDI DELLA PROVINCIA DI CASERTA CON
ALESSANDRA “NEL MOTORE” VANNO AD UN’ALTRA VELOCITA’)
( CON ANTIMO SI DECIDE DI APRIRE A PIETRAVAIRANO PERCHE’ BEN
COLLEGATA ALLE ALTRE SEDI CON LA SUPERSTRADA.)
( ROBERTO, ATLETA, NON VUOLE PIU’ GIOCARE E MI CHIEDE DI
DIVENTARE ISTRUTTORE)
( LE 5 SEDI SONO SERVITE DA USCITE SUCCESSIVE DELLA
SUPERSTRADA 372……………….GENITORI E RAGAZZI POSSONO SPOSTARSI
CON RELATIVA FACILITA’).
ANNO 6 ALIFE (CE) – PIEDIMONTE (CE) – RUVIANO (CE) – CASTELVENERE
(BN) – PIETRAVAIRANO (CE) – CERRETO SANNITA (BN)
( CERRETO NASCE SEMPRE CON ANGELO, CON PASQUALE , MIO AMICO
ED ISTRUTTORE MINIBASKET E GIUSEPPE, MIO ATLETA JUNIORES CHE
VUOLE FARE L’ISTRUTTORE).
( ALTRI RAGAZZI A FINE CARRIERA GIOVANILE MI CHIEDONO DI
DIVENTARE ISTRUTTORI: SABRINA, SALVATORE)

* Il futuro
Il futuro è un pò legato all’ultimo argomento trattato nel paragrafo precedente, ovvero la
“produzione” di giocatori. Nell’anno appena trascorso, la nostra scuola basket ha compiuto un passo
molto importante. E’ stata realizzata una collaborazione con la Mi Medical Caserta che ha militato,
quest’anno, nel campionato nazionale di serie B1.
Sono stati rilevati, da questa società, 2 atleti in via definitiva, 2 in prestito, ma sopratutto si è dato
vita ad una collaborazione con contratto di durata quinquennale. Proprio mentre scrivo queste
righe è in atto la fusione tra le due società casertane: la MI Medical appunto e la Juvecaserta, con un
progetto per raggiungere la serie A in breve tempo.

Il futuro quindi è legato alla speranza che qualche atleta di Città dei ragazzi possa, un giorno
arrivare a giocare in serie A. Siamo al sesto anno di vita, ed i piccoli desideri dell’inizio sono
diventati grandi sogni…….
Ma si sa, sognare non è reato. In bocca al lupo Città dei ragazzi!
In bocca al lupo anche a tutti quei giovani Istruttori che hanno la voglia ed il coraggio di lavorare
…..e di sognare.

* Bibliografia
· Tommaso Biccardi – Pietro Mango/ FORMARE FORMATORI / Federazione Italiana
Pallacanestro – Settore Giovanile

This Post Has Been Viewed 563 Times

A.S.D. SCUOLA BASKET CITTA’ DEI RAGAZZI

COD. FIP: 046068 / COD. MB: 074460

C.F.: 91008410614

SEDE: Corso Trieste 15 – 82037 – Telese Terme (BN)

E-MAIL:

giacomo.leonetti@alice.it
scuolabasketcittadeiragazzi@gmail.com; info@scuolabasketcittàdeiragazzi.it

Latest Posts